Fanno sembrare Bitcoin Evolution

PayPal sta apportando alcune modifiche alla loro politica degli utenti che vanno avanti. Come ci si aspetterebbe, questi cambiamenti influenzeranno i venditori che accettano pagamenti online in modo piuttosto negativo. Gli acquirenti pagheranno anche un Bitcoin Evolution po ‘più soldi per utilizzare il servizio di andare avanti. Tutto sommato, queste modifiche faranno sembrare questo servizio molto meno attraente, questo è certo.

Utilizzando Bitcoin Evolution diventa molto

L’invio di denaro in tutto il mondo con le soluzioni di pagamento esistenti non è un business a buon mercato con qualsiasi mezzo. PayPal è il leader di mercato quando si tratta di pagamenti online e digitali, anche se la loro popolarità può richiedere Bitcoin Evolution – Cos’è ? Opinioni, recensioni, commenti un notevole successo in avanti. Sono stati annunciati molti cambiamenti per quanto riguarda la politica di utilizzo dell’azienda, la maggior parte dei quali riguardano le spese aggiuntive e le spese per le transazioni.

Prima di tutto, la commissione di cambio valuta sarà aumentata dal 2,5% al 3,0%. Gli utenti di PayPal devono tenere a mente che questa percentuale sarà addebitata in aggiunta ai costi del tasso di cambio bancario esistente, rendendo i trasferimenti internazionali di denaro ridicolmente costosi. Non importa quale metodo di pagamento si usa per finanziare una transazione, o quale valuta estera può essere coinvolta. Gli utenti internazionali Bitcoin Evolution potrebbero voler prestare particolare attenzione a questo cambiamento, in quanto PayPal sta effettivamente limitando il loro potere d’acquisto.

Queste cose possono farti ripensare utilizzando PayPal
In secondo luogo, le spese di transazione standard per le vendite effettuate ad acquirenti al di fuori degli Stati Uniti saliranno al 4,4%, contro il 3,9%. Ciò include sia le vendite fisiche che quelle digitali, rendendo meno interessante per gli utenti di PayPal con sede negli Stati Uniti esplorare i mercati internazionali. Poiché questi pagamenti diventano più costosi da gestire, realizzare un profitto diventa molto onlinebetrug più difficile all’improvviso. Non si tratta di uno sviluppo positivo in alcun modo.

Le organizzazioni non profit che si affidano a PayPal per i pagamenti internazionali potrebbero voler ripensare anche la loro strategia. Piuttosto che la struttura tariffaria basata su livelli che l’azienda ha in atto in questo momento, l’azienda passerà a una tariffa fissa del 3,7% per tutti i trasferimenti. Ciò significa che questo servizio non è più un metodo di pagamento adatto per le organizzazioni non profit statunitensi che cercano di accettare pagamenti internazionali in modo conveniente. Uno sviluppo molto inquietante, in quanto ciò danneggerà le piccole organizzazioni non profit molto più delle grandi entità.

A peggiorare ulteriormente le cose, l’azienda non offrirà più la protezione del venditore per le donazioni e i prodotti finanziari. Inoltre, gli utenti saranno in grado di vedere un saldo negativo una volta che l’azienda inverte un pagamento per coprire eBay coprire le richieste di protezione dell’acquirente. Inoltre, l’azienda applicherà ora le sospensioni dei conti ancora più severe di prima. In un certo senso, l’azienda sta facendo di tutto, ma sta chiaramente allontanando gli utenti della sua piattaforma.

Se si considerano tutti i cambiamenti combinati – che entreranno in vigore il 29 marzo – è evidente che PayPal diventa una soluzione di pagamento molto meno attraente. Tutte le cose che l’azienda sta cambiando fanno sembrare bitcoin un’opzione di gran lunga superiore. Gli utenti che non accettano queste nuove condizioni hanno la possibilità di chiudere il loro conto prima della scadenza del 29 marzo. Sarà interessante vedere quante persone scelgono di farlo.

Posted in utenti | Leave a comment

La polizia venezuelana arresta altri 4 minatori

La situazione dei bitcoin in Venezuela sembra evolvere nella direzione sbagliata a partire da tardi. Dopo che quattro minatori sono stati arrestati la scorsa settimana, altri quattro sono stati presi in custodia questa settimana. Inoltre, il principale scambio di bitcoin del paese ha avuto il suo conto bancario revocato. Le cose non stanno andando così bene per la moneta criptata in Venezuela, anche se Bitcoin troverà un modo per aggirare questi problemi.

I quattro nuovi arresti in Venezuela dipingono un futuro problematico per la moneta criptata nel paese. Secondo la Policia Nacional Bolivariana, due uomini sono stati arrestati a Caracas. A quanto pare, entrambi gli individui vendevano attrezzature minerarie attraverso il mercato MercadoLibre. Sebbene questo tipo di attività non sia assolutamente illegale, è stata la causa del loro arresto. Tuttavia, non è chiaro se siano state presentate accuse formali.

Inoltre, il PNB ha perquisito ieri un magazzino a Valencia, dove sono stati scoperti 11.000 dispositivi per l’estrazione di bitcoin. Questo lo rende una delle più grandi miniere di bitcoin del paese. Due uomini sono stati arrestati con il sospetto di aver commesso reati informatici, finanziato il terrorismo e rubato l’elettricità. Sembra anche che la polizia abbia presentato un’accusa di “frode di cambio”. E ‘evidente che le cose stanno sfuggendo di mano nel paese piuttosto rapidamente.

Venezuela Continua la crociata mineraria di Bitcoin Mining Crusade
Ciò che è piuttosto intrigante è il modo in cui questi ultimi due arresti hanno un’origine internazionale. A quanto pare, entrambi gli uomini sono collegati a una rete criminale polacca. La maggior parte dell’hardware utilizzato per estrarre il bitcoin è stato acquistato da un venditore polacco. Ancora una volta, questo di per sé non è illegale, anche se il governo venezuelano è contrario all’estrazione di bitcoin in generale. E ‘dubbio che la polizia può fare una qualsiasi di queste accuse bastone, però.

Forse il più grande annuncio è come SurBitcoin ha visto il loro conto corrente bancario revocato questa settimana. SurBitcoin è il più grande cambio del paese, ma il loro partner bancario non è improvvisamente interessato ai bitcoin. È possibile che questa decisione abbia a che fare con la recente serie di arresti. A tutti gli utenti dello scambio si consiglia di ritirare immediatamente i propri fondi per evitare di perdere denaro. Tuttavia, ci vorranno circa due settimane per rimettere tutto in funzione, dato che Surbitcoin non se ne andrà presto.

Tutto sommato, rimane strano vedere il governo venezuelano assumere una posizione così aggressiva nei confronti di bitcoin. Considerando come la moneta criptata può essere usata per rendere la vita più facile per i consumatori del paese, un approccio aperto sembra più che giustificato. La parte mineraria dell’equazione è stata un problema per anni, però. L’estrazione di bitcoin consuma molta elettricità, che deve essere sovvenzionata dal governo socialista.

Posted in minatori | Leave a comment